Coordinate Bancarie – Cosa Sono

In questa guida spieghiamo cosa sono le coordinate bancarie e come utilizzarle per fare un bonifico bancario.

Le coordinate bancarie sono una sequenza di numeri, che individuano in maniera univoca e senza alcun margine di errore un preciso conto corrente aperto presso una determinata banca o altro operatore che fornisca un servizio di questo tipo.

Le coordinate bancarie contengono due informazioni essenziali. Una riguarda l’istituto bancario, presso il quale è stato acceso il conto, che può essere determinato sia come sede centrale, sia con riferimento all’esatta filiale. La seconda informazione riguarda il numero di conto corrente. Con riguardo alla banca, sono stati creati a livello internazionale una serie di codici identificativi, in modo da non avere dubbi sulla provenienza di un determinato conto, anche quando avvengono rapporti finanziari tra conti accesi in stati diversi.

A partire da gennaio 2008 è in vigore in Italia il codice Iban, una sequenza alfanumerica, che identifica il conto corrente e racchiude tutte le altre precedenti coordinate bancarie in uso nel nostro paese, uniformandosi a un indirizzo internazionale in materia. Pertanto, l’Iban è valido anche per effettuare pagamenti verso l’estero, dato che viene riconosciuto anche al di fuori dei nostri confini nazionali.

Il codice Iban, che è un acronimo per International Bank Account Number, non ha un numero prefissato di caratteri alfanumerici uguale per tutti gli stati, ma dipende da paese a paese. In Italia, ad esempio, si compone di 27 caratteri, di cui le prime due lettere rappresentano la sigla dello stato, nel nostro caso sono IT, che stanno per Italia, appunto. Le successive 2 cifre sono di controllo, dette anche CIN europeo, il resto è il codice BBAN nazionale.

Grazie alla combinazione di questi caratteri, un conto corrente viene identificato senza alcuna possibilità di commettere errori, essendo unico in tutto il mondo.

Il BBAN, di cui abbiamo appena accennato, si compone a sua volta di queste coordinate, CIN + ABI + CAB + numero di conto corrente di 12 cifre, fornito dalla banca presso cui il conto viene acceso.

Il codice ABI, che sta per Associazione Bancaria Italiana, è composta di cinque numeri e identifica la banca presso cui è stato acceso il conto corrente. A tale proposito, a ogni istituto viene assegnato in Italia un codice alla sua nascita e istituzione nel nostro paese.

Il CAB o Codice di Avviamento Bancario è anche questo composto di cinqye cifre, che contraddistinguono l’agenzia o la filiale presso cui il conto è stato acceso. Esso è legato all’ABI, in quanto l’insieme di ABI + CAB permette di determinare inequivocabilmente sia la banca che la filiale presso cui il conto è acceso.

Il CIN, Control Internal Number, è una lettera di controllo, che si calcola dalla serie di codici precedenti, evidenziando eventuali errori nell’identificazione del conto corrente.

L’indicazione delle coordinate bancarie è quindi necessaria quando si vuole fare un bonifico bancario, in modo da specificare il conto del beneficiario.